Parrocchia di Santa Maria della Cella e San Martino


Vai ai contenuti

Storia

Parrocchia

BREVE STORIA

725 Il Re Longobardo Liutprando riscatta dai Saraceni le ceneri di S. Agostino
Trasportate dalla Sardegna alla capitale Pavia, le reliquie sbarcano
e sostano sul lido, presso la chiesetta di San Pietro de Arena.
A ricordo si costruisce un nuovo edificio "La Cella di S. Agostino"
come attesta il diploma di Corrado II (1033).

1206 - 1213 La famiglia genovese Doria fa costruire la Chiesa di Santa Maria della Cella, affiancata da un convento

XIII - XV sec. La Chiesa č officiata da alcune congregazioni: Canonici Regolari di S. Maria di Crescenzago, Domenicani, Benedettini
Eremitani lombardi di S. Agostino (1442 - 1798)

XIII sec. Nell'edificio sacro lavorano le maestranze antelamiche,
come dimostrano i conci di pietra di
Promontorio perfettamente squadrati e assemblati
(sottotetti delle navate minori, alzati sovrastanti le arcate fra i pilastri)

Metā 1400 L'edificio viene trasformato per volontā di Bartolomeo Doria, e di
quel tempo qualcosa si legge nella sacrestia, nei locali adiacenti,
nei resti del chiostro.

1500 - 1600 Numerose trasformazioni: sistemazione degli altari e tombe di famiglia, costruzione della cupola (1639)

1797 Gli Agostiani, presenti dal 1442, sono allontanati, anche a causa del mutato
clima politico (caduta della Repubblica di Genova)

1799 (4 aprile) La Chiesa č sede parrocchiale, accoglie opere d'arte di altri complessi e anche il famoso "dipinto murario" del SS. Salvatore

1850 - 1896 Su progetto di Angelo Scaniglia (1791 - 1870), allievo di C. Barabino, la Parrocchia viene decorata, ampliata e completata con la facciata di gusto neoclassico.

1882 La millenaria chiesetta di S. Agostino, del tutto dimenticata č riscoperta dall'archeologo e storico Alfredo d'Andrade

Novecento Numerosi lavori contribuiscono ad arricchire l'edificio, oltre a riparare i danni della II Guerra Mondiale.


Torna ai contenuti | Torna al menu